News

Nascono le comunità locali «Laudato si’ Anagni» e «Laudato si’ Alatri»

Ad Anagni e ad Alatri nascono le Comunità Laudato si’, libere associazioni di cittadini che si adoperano concretamente per il rispetto dell’ambiente del proprio territorio

Un’iniziativa trasversale che cerca l’adesione di tutti, al di là del proprio credo religioso o appartenza politica, finalizzata al rispetto dell’ambiente a partire dai piccoli gesti quotidiani fino ad arrivare alla realizzazione di grandi iniziative coinvolgendo le realtà presenti sul territorio.

«In un momento come questo di grande bisogno di attenzione e di rispetto per l’ambiente, la Chiesa di Rieti, guidata da mons. Domenico Pompili e Slow Food propongono la costituzione delle Comunità internazionali Laudato si’ in forma di associazione libera e spontanea di cittadini, senza limitazioni o restrizioni di credo, orientamento politico, nazionalità, estrazione sociale. Nel maggio del 2015 veniva pubblicata l’Enciclica Laudato si’ di Papa Francesco, un documento straordinario capace di sottolineare la drammaticità e l’urgenza di intraprendere azioni concrete di salvaguardia e di rispetto per l’ambiente.

Per questo motivo anche ad Anagni e ad Alatri, su iniziativa dei professori Lorenzo Proscio e Matteo Marcoccia, sono state costituite le Comunità Laudato si’ Anagni e Laudato si’ Alatri con l’obiettivo di operare nello spirito dell’Enciclica e in omaggio all’opera di san Francesco d’Assisi, che per primo fu interprete, quasi novecento anni fa, di una vita in armonia con gli uomini e con la natura.

Le due comunità sono già impegnate in questi giorni a supportare l’iniziativa “piantiamo un albero” che ha già avuto l’adesione di tante personalità del mondo della cultura e dello spettacolo. Parallelamente alle varie attività, le comunità Laudato sì’ sostengono anche il progetto di creare ad Amatrice un centro studi internazionale denominato Casa Futuro – Centro Studi Laudato si’ dedicato alle tematiche ambientali e alle loro ricadute sociali. La presenza di queste comunità servirà ad incrementare la conoscenza del territorio e dei processi che lo regolano, attraverso le attività di educazione  ambientale e sostegno alla pianificazione paesaggistica. Per rimanere informati sulle varie attività delle comunità di Anagni e di Alatri è sufficiente seguire le pagine Facebook Comunità Laudato si’ Anagni e Comunità Laudato si’Alatri.

«Laudato si’, mi’ Signore», cantava san Francesco d’Assisi. In questo bel cantico ci ricordava che la nostra casa comune è anche come una sorella, con la quale condividiamo l’esistenza, e come una madre bella che ci accoglie tra le sue braccia: «Laudato si’, mi’ Signore, per sora nostra matre Terra, la quale ne sustenta et governa, et produce diversi fructi con coloriti flori et herba. Questa sorella protesta per il male che le provochiamo, a causa dell’uso irresponsabile e dell’abuso dei beni che Dio ha posto in lei. Siamo cresciuti pensando che eravamo suoi proprietari e dominatori, autorizzati a saccheggiarla. La violenza che c’è nel cuore umano ferito dal peccato si manifesta anche nei sintomi di malattia che avvertiamo nel suolo, nell’acqua, nell’aria e negli esseri viventi. Per questo, fra i poveri più abbandonati e maltrattati, c’è la nostra oppressa e devastata terra, che «geme e soffre le doglie del parto» (Rm 8,22).

Dimentichiamo che noi stessi siamo terra (cfr Gen 2,7). Il nostro stesso corpo è costituito dagli elementi del pianeta, la sua aria è quella che ci dà il respiro e la sua acqua ci vivifica e ristora. (Dall’Enciclica Laudato si’ di Papa Francesco)

di Anna Ammanniti, da https://www.tg24.info

Previous ArticleNext Article