Le Comunità Laudato si’

Anche Lodi ha la sua Comunità Laudato si’: nasce il gruppo “Lodi 1”

Nasce la Comunità Laudato si’ Lodi 1. Il gruppo si raccoglie attorno ad un nucleo di famiglie che vivono in una dimensione comunitaria presso Cascina Fanzago a Lodi e che condividono una sensibilità ai problemi ecologici e al "fare rete"

Nasce la Comunità Laudato si’ Lodi 1. Il gruppo si raccoglie attorno ad un nucleo di famiglie che vivono in una dimensione comunitaria presso Cascina Fanzago a Lodi e che condividono una sensibilità ai problemi ecologici e al “fare rete”. Cascina Fanzago (dove tra l’altro è in atto un progetto di agricoltura sociale che offre lavoro a persone in condizione di svantaggio sociale e che non fa uso di prodotti chimici, in collaborazione con Caritas e Cooperativa Il Mosaico) si presta quindi bene a fare da luogo di riferimento per una Comunità Laudato sì a cui potrà partecipare chiunque sia interessato a fare un po’ di cammino insieme.

Almeno inizialmente il gruppo ha scelto come suo principale ambito di intervento la sensibilizzazione (prima di tutto l’auto-sensibilizzazione) al problema dei rifiuti e del riscaldamento globale. Rimane comunque forte anche il legame con il tema di un’agricoltura che non ferisca l’ambiente e favorisca l’incontro tra le persone e con l’accoglienza dei migranti in un pianeta che è la casa di tutti.

La prima attività, in occasione della sottoscrizione della dichiarazione fondativa, sarà quella di piantare, nei terreni di Cascina Fanzago, giovani alberi di essenze locali per contribuire alla riduzione della CO2 e per favorire la biodiversità contrastando il diffondersi di specie arboree importate ed infestanti. Un’altra attività del gruppo sarà quella di aderire alla proposta, che sta nascendo nel Lodigiano, di un percorso di autoeducazione alla riduzione del consumo di plastica. In pratica le famiglie saranno invitate a valutare la quantità settimanale dei propri rifiuti in plastica e a prefissarsi un obiettivo di riduzione.

Allo stato attuale dell’idea che si sta studiando si prevede una specifica piattaforma sul web che permetterà di fare questo in una modalità condivisa e si intende proporre una forma di autotassazione nel caso in cui non si raggiunga l’obiettivo (da devolvere ad una finalità coerente col progetto) mentre si pensa ad un premio simbolico per chi sarà riuscito a mantenersi nei limiti che si era dato.

Previous ArticleNext Article